Nasce www.wearemilano.net

Gli Ultras Milano son lieti di comunicare che è in rete un sito che racconta la Nostra città con gli occhi di chi la ama veramente. Interamente realizzato e finanziato dalla Curva del Milano Hockey, il sito racconta la Città in tutte le sue sfumature ed è corredato di oltre 15000 immagini !!! Gli Ultras Milano hanno collaborato alla realizzazione del sito anche con ricerche e materiale fotografico e per questo ringraziamo tutti coloro che si sono adoperati per realizzare questo bellissimo tributo alla Nostra amata metropoli.

 

Per accedere al sito cliccare sul link www.wearemilano.net

IL “MORALISTA” TORNA IN CATTEDRA

Neanche il tempo di gioire per esserci levati dai testicoli uno dei due mali dell’Olimpia che il presidentissimo torna in cattedra con l’ultimo sermone.

 

L’uomo che ha fatto diffidare 41 persone per una CIVILISSIMA protesta espressa in corretta lingua inglese e priva di qualsivoglia epiteto, parla di educazione e di spettacolo pulito.

 

L’uomo che ha difeso il condannato Minucci parla di morale.

 

L’uomo che ha tentato di sottrarre i biglietti per gara 6 alla propria tifoseria parla di correttezza.

 

L’amicone di Massimo Rocchi (http://www.ioelolimpia.com/stagione2016-2017/161025 per non dimenticare) parla di “disturbatori”.

 

L’uomo che per due volte ha pianto lacrime di coccodrillo battendosi il petto dopo la figura con Trento la passata stagione e con Cantù in coppa Italia, adesso si mette a pontificare sulla professionalità dell’ambiente basket e degli arbitri.

 

Caro Livio Proli, per definirti la maleducazione non conosce espressioni sufficienti quindi ci limiteremo a tapparci il naso e tirare dritto con la stessa promessa che abbiamo fatto al tuo schiavo dimissionario.

 

Il giorno in cui tu ti leverai dal cazzo noi saremo ancora sugli spalti a gioire e tifare la squadra di cui non sei e non sarai MAI degno.

 

L’OLIMPIA SIAMO NOI !!!

I CAMPIONI DELL’ITALIA SIAMO NOI, GRAZIE A CHI HA CAMMINATO AL NOSTRO FIANCO !!!

I giocatori dell’Olimpia son campioni e insieme a loro lo sono coloro che, tanti o pochi, hanno percorso lo stivale in lungo e in largo dietro le nostre pezze per non far mai mancare loro il sostegno che si son meritati ogni volta che hanno onorato la maglia.

 

Inutile nascondere che il rooster e gli investimenti sproporzionati per il campionato italiano, ci favorivano per la vittoria finale ma per gli Ultras non è mai una questione di vittoria o sconfitta.

 

I giocatori hanno l’unico dovere di onorare Maglia e impegno a prescindere dal blasone dell’avversario, gli Ultras quello di assicurarsi che i giocatori rispettino i loro doveri e dare tutto ovunque per non far mancar loro il sostegno.

 

Poi c’è la società, sulla quale stendiamo un velo pietoso, che dovrebbe coniugare il proprio ruolo gestionale col rispetto del proprio pubblico senza il quale dimentica sempre che non ci sarebbe motivo ne possibilità di esistere.

L’ultima occasione persa, solo per la cronaca, è arrivata in occasione della “festa” del giorno dopo la conquista dello scudetto.

Da gente che organizza eventi legati alla moda a livello mondiale credo tutti si aspettassero qualcosa di più della misera passarella in un pomeriggio a 40* sotto l’occhio vigile della digos.

 

Sulle colpe dei soliti noti ci fermiamo qui per evitare di riaprire i libri sull’incompetenza di chi ancora una volta non ci ha nemmeno messo la faccia rimanendo sul proprio piedistallo snob e limitandosi alle patetiche affermazioni di rito ai media senza farsi vedere dai tifosi.

 

Fatte le dovute premesse, con questo comunicato vogliamo esprimere il nostro GRAZIE di cuore a tutti coloro che ci hanno permesso di esser sempre presenti in tutte le trasferte in Italia dell’Olimpia.

GRAZIE a chi ha perso la voce per guidare il tifo due volte la settimana tra Eurolega, Campionato, Coppa Italia e Supercoppa.

GRAZIE a chi si è occupato del trasporto e dell’allestimento di striscioni, bandiere, tamburo e coreografie.

GRAZIE a chi si è occupato delle liste in casa e in trasferta senza sosta.

GRAZIE a chi ci ha dato il proprio sostegno nel rispetto dei nostri principi e della nostra coerenza.

GRAZIE a chi ha riempito la curva e ci ha permesso di fare la differenza in tutti i momenti importanti...

 

IL VERO SCUDETTO A MILANO SIETE TUTTI VOI !!!

IL TIFO È UNA COSA SERIA...

IL TIFO È UNA COSA SERIA ...

 

Altro che progetti di tifo positivo per creare un pubblico bue, apatico, acritico e geneticamente comodo a chi vuol gestire il nostro futuro senza dignità.

 

Onore, Lealtà, Rispetto per la Città e le sue tradizioni.

Non arrendersi e battersi per ciò che è giusto anche se scomodo.

Questi gli insegnamenti che diamo ai nostri figli, questi i valori che vogliamo che ereditino.

 

ULTRAS NELLA VITA COME ALLA PARTITA, PER DEI VERI UOMINI DEL DOMANI

VIETATO LO STRISCIONE “BASTA PROLI E PORTALUPPI” LA POLIZIA SI SCUSA

All’ingresso del palazzo di Trento per la prima volta in 4 anni ci è stata vietata la nostra civile espressione di protesta contro chi si è macchiato della peggior infamia verso i propri tifosi denunciando chi non aveva commesso alcun reato.

 

Dopo lunghe discussioni, malgrado la prepotenza subita, si è deciso di accedere comunque al palazzo e dar voce alla contestazione attraverso i cori.

 

Dopo esserci fatti sentire dal mezzo uomo causa di ogni male dell’Olimpia e a prescindere dal palmares, alcuni nostri frequentatori son stati avvicinati da alcuni funzionari di polizia.

 

Con grande imbarazzo è stato spiegato che il divieto arrivava dall’osservatorio nazionale e quindi la questura non poteva far altro che eseguire malgrado si rendessero conto che si trattasse di una “forzatura”.

 

Gli UM accettando la giustificazione ricevuta per l’abuso subito vogliono credere alla buona fede di chi si è sempre comportato in passato nel rispetto del proprio ruolo e con rispetto verso la nostra tifoseria.

 

Rimane lo schifo per chiunque abbia preso una decisione che con l’ordine pubblico non ha nulla a che vedere e auspichiamo che in futuro ne a Trento ne altrove ci si debba trovare a combattere per un nostro legittimo diritto.

 

AVANTI ULTRAS, MAI CONFORMI ALLE INGIUSTIZIE !!!

E COL SERVO DI PROLI IL CERCHIO SI CHIUDE

Ha iniziato Pianigiani a mettere le mani avanti poi ha continuato proli e adesso anche il suo servo comincia a pararsi il culo descrivendo Cantù come la peggior insidia e una domanda nasce spontanea.

MA PRENDERE SUL SERIO VENEZIA E GIOCARE CON CREMONA VI FACEVA COSÌ SCHIFO O STAVATE GIÀ PENSANDO AGLI INCASSI?!?

 

http://www.sportal.it/basket/flavio-portaluppi-e-il-pericolo-cant.html

QUEST’UOMO NON CONOSCE LA VERGOGNA !!!

Dopo due anni a recitar mea culpa dopo i più recenti fallimenti (Trento e Cantù per chi se li fosse dimenticato) salvo poi cambiare la squadra e non cambiare mai se stesso e il suo entourage, ancora una volta dimostra di pensare di avere a che fare con una tifoseria di pirla.

Dopo le dichiarazioni di Pianigiani che già parla di Cantù come del miracolo italiano, adesso anche il presidentissimo si mette a celebrare gli avversari.

Noi siamo stufi di criticare l’operato di un incompetente cronico che pensa solo alla propria immagine. Per favore qualcuno gli dica che al costo di uno dei nostri giocatori le altre tanto celebrate avversarie ci hanno costruito squadre intere.

 

BASTA PROLI, BASTA PORTALUPPI !!!

 

https://www.basketnet.it/livio-proli-lumana-favorita-voto-pianigiani-sta-dando-quello-ci-aspettavamo/

DIMENTICARE SUBITO LO SCHIFO DEL FINALE DI STAGIONE E RIPARTIRE COL CARATTERE DI DESIO !!!

Non c’è tempo di recriminare sullo scempio delle ultime prestazioni sportive (quella con Pesaro sarebbe da indagine federale dopo che per il secondo anno consecutivo teniamo in A una delle nostre storiche rivali in modo sistematico e a dir poco sospetto).

Non ci sarebbe nemmeno il tempo di dar spazio ai comportamenti presidenziali a Venezia dove il primo cittadino dell’Olimpia da dietro un cancello e affiancato dai suoi uomini della sicurezza fa il leone reagendo alle osservazioni dei tifosi sulla sua incapacità gestionale e millantando fantasiose teorie su presunti favori economici offerti in passato ma che a fine gara all’autogrill Scaligera Ovest dopo aver parcheggiato l’auto appena si accorge della presenza dei tifosi e l’assenza di cancelli fa una meno leonina retromarcia e si allontana a tutta velocità.

Come detto non c’è tempo per tutto questo è nemmeno per le vaneggianti dichiarazioni di un coach che sembra sempre più allinearsi alla mediocrità aziendale dei patetici vertici societari e che dopo l’incontro con Pistoia dichiara che la gara con Venezia non la riteneva importante e che dopo l’incontro con Venezia mette già le mani avanti dichiarando che Cantù gli ricorda la Sassari di Meo Sacchetti come dire “se usciamo era il loro anno se vinciamo avremo battuto una grande squadra”.

 

Non c’è tempo per tutto questo perché sabato sarà ancora inesorabilmente ... DERBY!!!

Si proprio l’incontro che più di tutti ha valore nel nostro cuore e che DEVE esser affrontato come se da esso dipendesse la vita di ogni giocatore.

 

Ancora una volta non confideremo sulla società e per questo il nostro messaggio lo recapitiamo nuovamente a chi andrà in campo.

 

AVANTI OLIMPIA, VINCERE O MORIRE !!!

UN ARTICOLO CHE SI COMMENTA DA SOLO: PROLI FAI SCHIFO !!!

Dopo il secondo mea culpa in due anni, aver lui cambiato tutta la squadra ogni stagione, aver dato colpa a se stesso e alla dirigenza per il fallimento in coppa Italia, adesso addirittura piange miseria affermando che in sostanza i tifosi han troppe aspettative ma stiamo facendo bene?!?

 

Per non farci mancare niente riesce persino ad affermare che “l’efficientissima” dirigenza non subirà variazioni neanche se non dovessimo vincere il campionato!!!

 

Non ci sono più insulti sufficienti per definire l’operato di un finto presidente incapace e il suo pelato entourage con gli occhiali.

 

Solo due parole ... CHE SCHIFO !!!

 

https://www.basketnet.it/livio-proli-paghiamo-l-effetto-siena-la-teoria-del-budget-piu-altol/

A DESIO PER VINCERE, NIENTE SCUSE.. FUORI I COGLIONI!!!!

Questo messaggio lo indirizziamo direttamente al tecnico e alla squadra.

 

Visto che, come abbondantemente dimostrato, non abbiamo una dirigenza degna della nostra tradizione e capace di imporre una linea all'altezza della nostra storia, vogliamo ricordarvi l'importanza dell'incontro che ci attende.

 

Cantù è la nostra rivale per eccellenza, non importa la classifica, il rooster e i trofei.. Con quelle merde conta solo vincere e se possibile UMILIARLI!!!

 

In questa stagione vi ricordiamo che a umiliarVi sono stati proprio loro a Firenze e ci aspettiamo di vedervi in campo e in panchina con la rabbia che anche un semplice "professionista" dovrebbe provare.

 

Noi tanti o pochi che saremo, come sempre daremo tutto e saremo al fianco di chi ci metterà il cuore e per una volta cercate di non pensare a contratti e ai vostri score personali ma.. GIOCATE DA ULTRAS!!!!

MESSAGGIO RECAPITATO, LA PROTESTA CONTINUA DOMENICA

Gli UM ringraziano tutti coloro che hanno accolto l'invito a manifestare il disappunto nei confronti della dirigenza Olimpia innegabilmente causa di tutti i fallimenti dell'ultimo decennio. 

Dirigenza incapace di costruire un progetto serio e che non merita certo più appello.

L'auspicio è che, adesso che tutto il palazzo si è espresso con una compattezza che non si vedeva da anni, Armani intervenga definitivamente per un cambiamento necessario per il bene della società stessa.

È ora di liberarsi dei "soliti noti" che probabilmente stanno ancora sperando che un successo a fine stagione possa far dimenticare i fallimenti passati di cui son stati unica causa.

In attesa di riscontri dalla proprietà Olimpia, per domenica invitiamo già da questo momento tutti coloro che ne hanno la possibilità a fare quanto segue.

La proposta dell'iniziativa che segue ci è giunta da alcuni tifosi attraverso i forum.

Per aderire a questa forma di protesta vi invitiamo a reperire su google immagini la foto qui sotto digitando "Via proli".

Quello che vi chiediamo è di stamparla su un normale foglio formato A4 (ma siete liberi di stamparla più grande) e di mostrarla dopo le formazioni alla riaccensione delle luci.

Dimostriamogli ancora una volta che non saremo mai i tifosi addomesticati che vorrebbe lui.

 

È IL MOMENTO DI CAMBIARE, BASTA PROLI E PORTALUPPI !!!

IN COPPA UNIAMOCI PER DARE UN SEGNALE A QUESTA DIRIGENZA INDEGNA

È arrivato il momento di scegliere da che parte stare, giovedì chi tiene all'Olimpia deve dare un segnale.

Gli Ultras Milano invitano tutti coloro che ritengono la dirigenza Olimpia incapace di onorare la nostra gloriosa storia ad unirsi in un piccolo gesto dal grande significato.

 

Al termine dell'annuncio delle formazioni dopo l'accensione delle luci, invitiamo tutti a sventolare un fazzoletto bianco (come vuole la tradizione iberica) per manifestare il disappunto che proviamo.

 

Per una volta dopo tanto tempo chiediamo a tutti di tornare ad essere una sola voce, facciamo capire al sig. proli e C. che noi non siamo "clienti" Olimpia bensì il cuore pulsante della tradizione cestistica milanese e vogliamo rispetto per il popolo biancorosso.

Facciamogli sentire che le sue politiche di far commercio della nostra maglia son fallite, i tifosi ammaestrati non li avrà mai ed è arrivato il momento di levare il disturbo e dar spazio a dirigenti che capiscano e amino lo sport di cui siamo tifosi e che possano adoperarsi con la competenza che gli attuali esponenti dirigenziali han dimostrato di non avere, a ricondurci con onore al ruolo che il nostro blasone merita.

Noi non chiediamo trionfi e titoli ma l'orgoglio e il rispetto per la maglia come è sempre stato in passato e non più il vergognoso scempio messo in scena a Firenze e la passata stagione con Trento, per non parlare delle figure a livello europeo.

 

SE VUOI CAMBIARE FATTI VEDERE, #BASTACONQUESTADIRIGENZA

NON TI DEVI SOLO VERGOGNARE, TE NE DEVI ANDARE !!!

La sconfitta con Cantù testimonia l'incapacità che sta certamente più fuori che sul campo. 

Ancora una volta (come dopo l'umiliazione con Trento l'anno scorso) lacrime di coccodrillo e poi ... non cambia nulla!!!

Adesso è il momento di cambiare, Armani stavolta è complice e il fallimento è anche colpa sua. 

L'Olimpia è sua e deve rispondere delle scelte dirigenziali. 

Davanti ogni polemica non può sempre nascondersi nel silenzio aspettando che passi la tempesta, è ora che prenda i dovuti provvedimenti per dimostrare se ha veramente a cuore la storia dell'Olimpia o se è solo un passatempo tra una sfilata e l'altra.

Proli NON è un presidente di basket, Portaluppi NON è un general manager del livello di cui necessita una società con i mezzi economici di cui dispone l'Olimpia, l'ultimo degli spettatori del forum saprebbe far meglio in entrambi i ruoli.

Noi preferiamo una società onorevole che rispetti storia e tifosi magari con minori possibilità economiche piuttosto di una dirigenza indegna e incapace malgrado disponga di mezzi economici infiniti e che si fa coprire di ridicolo in Italia e in Europa. 

Non si può più perdonare tutto ad Armani perché "senza di lui dove andremmo a finire", è ora di smettere di nascondersi dietro questa scusa!!!

Qui non è più questione dei legittimi pregiudizi di una curva insultata dalle denuncie dimostratesi infondate nel 2014, questo è il momento che tutti coloro che si sentono veramente tifosi dell'Olimpia facciano sentire la propria voce.

 

 

BASTA PROLI E PORTALUPPI, RIDATE DIGNITÀ ALLA NOSTRA SOCIETÀ !!!

REALIZZATO UNO DEI PROGETTI FINANZIATI DAGLI ULTRAS D'ITALIA!!!

Ad Amatrice si son conclusi i lavori di realizzazione del campo sportivo la cui tribuna è stata interamente finanziata con la raccolta fondi effettuata da moltissimi gruppi Ultras in tutta Italia.

Come ricorderete anche CdM e Ultras Milano si adoperarono con una raccolta che superò i 5000€.

Ancora una volta il cuore Ultras si getta oltre l'ostacolo di chi ci reprime, di chi ci criminalizza e dimostra come la solidarietà non abbia confini e colori.

In questo momento di gioia per il popolo colpito dal terremoto non riusciamo a non pensare a quanto altro bene avremmo potuto fare coi risparmi che, per colpa di chi INVENTA denuncie e ci persegue sulla base del nulla, abbiamo destinato invece alle spese per difendere i nostri diritti.

PETIZIONE

Gli Ultras Milano condividono questa legittima raccolta firme.


Per poter firmare bisogna cliccare sul link sottostante. Dopo aver inserito i propri dati e confermato la firma è necessario autenticarla tramite il link che vi arrivera sulla casella di posta che avete indicato al momento della firma

 

https://firmiamo.it/basta-proli-e-portaluppi-1

MILANO - VENEZIA     FINALE SUPERCOPPA ITALIANA


CIAO NANNI, CONTINUERAI A VIVERE NEI NOSTRI CORI

Gli UM apprendono con grande dolore la notizia della scomparsa di uno dei più grandi poeti milanesi della canzone lombarda. Nanni Svampa è stato per tutti noi un'ispirazione ed un maestro di tradizione popolare milanese. I testi delle sue canzoni nel nostro dialetto sono state spessissimo parte del nostro repertorio vocale e ispirazione di tanti striscioni e coreografie. Nanni sarà sempre con noi e lo ricorderemo come un papà della tradizione meneghina a cui tanto teniamo. 

 

CIAO NANNI GRAZIE DI TUTTO PAPÀ!!!                        

TRENTO - MILANO    SEMIFINALE GARA 3

PUNTUALIZZAZIONE SUI FATTI DI CASERTA

Riguardo gli articoli apparsi su alcuni siti gli UM tengono a fare una doverosa precisazione.

Per rispetto alla Caserta Ultras che sebbene rivale si è sempre dimostrata nei nostri confronti LEALE sia dentro che soprattutto fuori dal palazzo, ci teniamo a spiegare che siamo perfettamente consci che i settori adiacenti il nostro non erano occupati da ultras e che la nostra reazione è nata dall'atteggiamento inaspettato di diverse persone che si son spinte fin contro la cancellata al nostro fianco per insultarci. Da Ultras corretti quali ci riteniamo, ci pare giusto riconoscere di non aver tenuto un comportamento degno della nostra breve ma intensa storia.

Sempre onore a chi l'ultras lo fa coi fatti

 

MILANO - SASSARI         FINALE COPPA ITALIA


Gli UM rinunciano ai quarti.

Da accordi telefonici con un presunto referente federale sarebbero dovuti esserci i biglietti riservati ai gruppi organizzati. Davanti alla richiesta di pagare 20€ l'ingresso gli Ultras Milano han deciso di rinunciare ad entrare alla fiera di Rimini per i quarti di final eight.

MILANO-OLYMPIAKOS - GLI UM STANNO CON NICOLA

CANTU' - MILANO


Chiusa la raccolta fondi, raccolti 5045€!!!

Gli Ultras Milano son lieti di comunicare che la raccolta congiunta con la Curva del Milano Hockey, come da accordi coi ragazzi di l'Aquila, si e' conclusa. I fondi raccolti sul conto dedicato alle nostre Curve, che sarà chiuso, verranno interamente destinati alla realizzazione dei 3 campi sportivi nell'area di Amatrice e dintorni. CdM e UM ringraziano tutti coloro che hanno dato il loro contributo dimostrando che gli Ultras come sempre sono in grado di mettere al centro del proprio impegno valori imprescindibili come la Solidarietà.

 

Forza Amatrice, buone feste a tutte le vittime del sisma e a coloro che non le han dimenticate.

Aggiornamento sul progetto cui stiamo dando sostegno con la raccolta fondi che continuerà fino a dicembre

ASSEGNATE DAL COMUNE LE AREE PER LA REALIZZAZIONE DEI CAMPI SPORTIVI POLIVALENTI

 

8 novembre 2016

 

Il 20 Ottobre scorso avevamo stipulato e firmato con il Sindaco Sergio Pirozzi un atto di intesa per la realizzazione di campi sportivi polivalenti nel comune di Amatrice fissando delle tappe ben precise.

 

Il sisma che il 30 Ottobre 2016 ha colpito nuovamente il centro Italia ha provocato ad Amatrice ulteriori crolli, gravi disagi alla viabilità, causato danni alle attività e costretto il Sindaco a diramare un’ordinanza di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado a tempo indeterminato, in attesa della messa in sicurezza delle strade stesse.

 

Nonostante ciò ed altre evidenti priorità causate dal sisma di pochi giorni fa, la prima tappa è stata rispettata.

 

Nei giorni scorsi ci sono state infatti assegnate dal comune di Amatrice tre aree in tre diverse località per la realizzazione dei campi sportivi polivalenti.

 

Sarà nostro compito, come da accordi sottoscritti nell’atto di intesa e resi già pubblici nel precedente comunicato, farci carico della progettazione, la realizzazione e la successiva donazione al patrimonio del Comune di Amatrice delle diverse strutture.

TORINO - MILANO

Sebbene il "nuovo" fronte ultras torinese ieri abbia fatto di tutto per calpestare ogni possibilità di instaurare un rapporto di reciproco rispetto. Il fronte dei "vecchi" che già nel corso dell'incontro si era dissociato, oggi ha voluto ribadirci la propria stima.

Gli UM comunicano che il rispetto di chi ci ha mostrato rispetto sarà sempre ricambiato ma sapremo distinguere chi invece ha dimostrato tanta pochezza ultras.

CAMPI SPORTIVI POLIVALENTI, ULTRAS D’ITALIA PER AMATRICE: RAGGIUNTO L’ACCORDO CON IL COMUNE PER LA LORO REALIZZAZIONE

20 ottobre 2016 

 

A meno di due mesi dal terremoto che il 24 Agosto 2016 scorso ha colpito Amatrice, abbiamo stipulato e firmato con il Sindaco Sergio Pirozzi un atto di intesa per la realizzazione di campi sportivi polivalenti. Le strutture saranno realizzate grazie alla raccolta fondi da noi intrapresa insieme agli Ultras d’Italia, che al di là di colori e rivalità, si sono uniti per lasciare qualcosa di concreto in questo paese martoriato dal sisma a favore dell’intera comunità e in particolar modo dei giovani.

 

La costruzione dei campi sportivi polivalenti verrà da noi seguita passo dopo passo, tramite la progettazione, la realizzazione e la successiva donazione al patrimonio del Comune di Amatrice.

 

Ecco le tappe sottoscritte e firmate tra noi e il Comune di Amatrice e presenti nell’atto di intesa :

 

30 ottobre 2016: il Comune di Amatrice, entro la suddetta data, si impegna alla localizzazione delle aree dove poter realizzare i campi sportivi polivalenti .

 

30 gennaio 2017: noi, Red Blue Eagles L’Aquila 1978, ci impegniamo entro questa data alla presentazione del progetto definitivo dei campi sportivi polivalenti.

 

28 febbraio 2017 : il Comune di Amatrice, entro la suddetta data, si impegna a rilasciare tutte le autorizzazioni necessarie per poter avviare l’iter dell’esecuzione dei lavori per i campi sportivi polivalenti.

 

31 Marzo 2017: data entro e non oltre la quale dovranno iniziare i lavori per la realizzazione dei campi sportivi polivalenti

 

30 Settembre 2017: data entro e non oltre la quale i campi sportivi polivalenti dovranno essere realizzati e inaugurati.

 

Ricordiamo che è possibile aderire al nostro progetto versando il proprio contributo entro e non oltre Natale.

 

E’ loro diritto poter guardare avanti, è nostro dovere essergli accanto!

 

L’indirizzo e-mail tramite il quale poterci contattare per prendere parte alla nostra iniziativa è: ultrasperamatrice@gmail.com

 

I dati del codice Iban sul quale potere effettuare i versamenti sono:

Associazione L’AQUILA ME’

Codice IBAN: IT48N0538703606000002340708

Causale: Donazione per Amatrice

Specificare Gruppo o curva d’appartenenza e/o Nome e cognome di una singola donazione

 

 

 

I gruppi Ultras e le curve che ad oggi hanno aderito al nostro progetto sono:

 

Ancona: Curva Nord Ancona

 

Andria: Curva Nord Andria

 

Arbus: Ultras Arbus

 

Bari: Curva Nord Bari

 

Barletta: Gruppo Erotico 1987

 

Benevento: Curva Sud Benevento

 

Brescia: Irriducibili Leonessa (Basket)

 

Campobasso: Crazy Bus; Primitive Groove (Collettivo dj)

 

Cantù: Eagles Cantù 1990 (Basket)

 

Carpi: Ultras Carpi Guidati dal Lambrusco

 

Carrara: Curva Nord Carrara

 

Casale Monferrato: Boys 88 Casale

 

Castellamare di Stabia: Curva Sud Castellamare di Stabia

 

Catanzaro: Ultras Catanzaro 1973

 

Cesena: Curva Mare Cesena; Centro Coordinamento Clubs

 

Civitanova Marche: Civitanovesi Ultras

 

Cosenza: Anni 80

 

Crotone: Curva Sud Crotone

 

Empoli: Desperados Empoli 1983

 

Fano: Phanters Fano 1977

 

Ferrara: Curva Ovest Ferrara Otto Settembre

 

Firenze: Unonoveduesei

 

Fiumicino: Ultimum Fidem Fiumicino

 

Giulianova: Ultras Giulianova 1979

 

Gravina: Noi Ultras Gravina; La Gravina Ultras

 

Grosseto: Maremmani 1912

 

Gubbio: Gubbio Supporters

 

Latina: Leone Alato Littoria

 

Livorno: Sbandati 1987 Libertas Livorno (Basket)

 

Lucca: Curva Ovest Lucca

 

Mantova: Ultras Mantova

 

Martina Franca: Ultras Martina Curva Nord

 

Milano: Curva del Milano Hockey

 

Milano: Curva Nord Milano

 

Milano: Ultras Milano (Basket)

 

Monaco di Baviera: Ultras Antwerpen 1994

 

Monopoli: Bad Boys; CSM Ultras

 

Nardò: South Boys 2002 Nardò; Fedelissimi 1993; Tabula Rasa

 

Novara: Nuares

 

Olbia: Ultras Olbia

 

Parma: Boys Parma 1977; Centro di coordinamento Parma Clubs

 

Picerno: Teste Matte

 

Pistoia: Curva Nord 1921; Pistoia 1312

 

Prato: Curva Ferrovia Matteo Ventisette Prato

 

Reggio Emilia: Teste Quadre; Gruppo Vandelli

 

Rieti: Commando Ultrà Rieti 1997

 

Rieti: Old Fans Rieti(Basket)

 

Rimini: Red White Supporters

 

Roma: Curva Nord Lazio

 

Roma: Pgu Roma

 

Roseto: Curva Nord Roseto 1927 (Basket)

 

Salerno: Curva Sud Siberiano

 

Sambenedetto del Tronto: Curva Nord Massimo Cioffi

 

Sassuolo: Curva Nord Sassuolo

 

Taranto: Taranto Supporters

 

Terni: Curva Nord Terni

 

Torino: Curva Maratona Torino

 

Torre Annunziata: Città di Torre Annunziata

 

Treviso: I Fioi Dea Sud (Basket)

 

Tricase: Rum Boys Tricase 2006; Tricase Fans

 

Trieste: Curva Furlan; Centro coordinamento Triestina Club 

 

Udine: Curva Nord Udine

 

Vercelli: Ultimi Romantici Vercelli

 

Vicenza: Curva Sud Vicenza 1902

Orgogliosi della nostra Amicizia coi Varesini

Per coloro che ancora non se ne fanno una ragione ricordiamo che il fortissimo legame d'amicizia che ci lega agli Ultras Varesini risale addirittura agli anni '90 ovvero ai tempi di Panthers, Red Shoes e Boys Varese. Successivamente con gli avvicendamenti nelle rispettive curve con lo scioglimento di Panthers e Red Shoes da un lato e Boys e GBR dall'altro i nostri rapporti non son mai cambiati. Oggi con l'avvento di Ultras Milano e Arditi Varese i nostri rapporti si sono addirittura rafforzati e le reciproche visite a domicilio ne hanno garantito la continuità.

 

Sebbene la nostra Amicizia con Varese abbia ormai raggiunto quasi i 25 anni ci rendiamo conto che esistono ancora inspiegabilmente dei "nostalgici" a cui questo legame appaia ancora strano in virtù della storia trapassata.

Accettando come sempre l'opinione di tutti, la Curva ricorda che le dinamiche che regolano i rapporti tra le tifoserie sono decise dagli Ultras e che se qualcuno la pensa diversamente e tiene a "salvaguardare" qualche sorta di "diritto alla rivalità" con questa o quella tifoseria nostra Amica è libero di comunicarcelo personalmente, di assumersi le proprie responsabilità e noi saremo lieti di metterlo in contatto coi diretti interessati per togliersi ogni tipo di soddisfazione.

 

Il tifo per la nostra squadra e la Città che rappresenta, insieme alle dinamiche che regolano i rapporti tra le altre tifoserie, per noi son cosa più importante di un gioco con la palla.

 

SICURI CHE CHI NON È ULTRAS NON POTRÀ CAPIRE, NOI TIRIAMO DRITTO. AVANTI MILANO, AVANTI VARESE!!!

 

A buon intenditor ...

CIAO ICE

La maggior parte di noi non ha avuto la fortuna di conoscerlo personalmente ma coloro che hanno frequentato la curva negli anni '80 e 90' non possono averlo dimenticato. Gli Ultras Milano salutano Ice, un pezzo di storia biancorossa ci ha lasciato.

 

Una rappresentanza UM affiancherà i nostri vecchi frequentatori e presenzierà alla funzione che si terrà venerdì alle 14.45 alla chiesa di via Pezzotti.

UN PRESIDENTE CHE NON CONOSCE LA VERGOGNA ADESSO VUOLE ANCHE EDUCARE I TIFOSI?!?

Siamo tutti senza parole davanti all'ultima "invenzione" del presidentissimo. 

Non pago d'aver denunciato alle forze dell'ordine chi "educatamente" ha manifestato una semplice critica alla squadra di cui e' TEMPORANEAMENTE" presidente, adesso decide che i tifosi dell'Olimpia han bisogno di più educazione.

Gli UM comunicano che non si sederanno mai al banco davanti al professor proli e che se c'è qualcuno che dovrebbe imparare l'educazione e farsi un bel bagno d'umiltà e solo ed unicamente lui stesso, i tifosi dell'Olimpia non accettano lezioni da nessuno.

 

ABBASSO LA SCUOLA, L'OLIMPIA SIAMO NOI !!!

MILANO - AVELLINO      Finale Supercoppa Italiana


PROLI, LA COERENZA E IL CAPITANO

La stagione è  alle porte e la Curva è pronta a ripartire da dove avevamo lasciato con ancora negli occhi la gioia della "notte di Reggio Emilia.

Prima di ricominciare vogliamo fare alcune doverose considerazioni riguardo i comportamenti societari durante l'estate e render note alcune scelte da noi operate per la prossima stagione che è alle porte.

 

Riguardo la società, al di là della campagna acquisti che come sempre non giudichiamo in quanto non riguarda la sfera del tifo valutare l'opportunità di scegliere questo o quell'altro giocatore, due sono i fatti rilevanti su cui ci pare giusto prendere posizione.

 

In primo luogo e fatto GRAVISSIMO, il cambio del logo. Il simbolo dell'Olimpia per i veri tifosi è e sarà sempre il Fiero perché piaccia o non piaccia ha sempre rappresentato la continuità con la Nostra storia oltre che un abbinamento all'epoca più vincente della storia Olimpia. Come troppo spesso accaduto con l'avvento dei due soliti noti, il rispetto dei tifosi con questa decisione da parte della società è venuto ancora una volta meno.

Per questa ragione gli UM han deciso di dedicare al "nobile caduto" una piccola coreografia in occasione dell'incontro che ci attende sabato per ribadire a tutti che la nostra storia va rispettata.

Altro fatto eclatante inerente la società su cui ci vogliamo soffermare è stato il cambio di capitano.

Sebbene assolutamente condivisibile (gli UM da almeno 2 anni hanno sempre sottolineato la qualità tecnica di Gentile ma anche l'inopportunità di considerarlo un capitano visti i tanti comportamenti infantili da lui troppo spesso tenuti) quello che ci pare assolutamente privo di stile è il tono e i tempi con cui il "presidentissimo" ne abbia dato comunicazione. Ancora una volta l'arroganza di un mezzo uomo che non dimentichiamolo mai ha denunciato i propri tifosi per una semplicissima contestazione, ha disgustato tutti. Sentire parlare lui, che da uomo non si è MAI comportato nei confronti dei tifosi più appassionati, che chiede a qualcuno di "essere uomo" ci pare quantomeno ridicolo. La scelta di renderlo pubblico a tre giorni da un importante incontro poi si commenta da sola.

A questo riguardo gli UM hanno deciso di rimanere sulla propria posizione di condanna verso quei dirigenti che non potranno mai esser perdonati per i loro comportamenti passati e che continuano a mancare di rispetto alla storia della gloriosa società di cui hanno l'onore di ricoprirne un ruolo così importante.

 

Con L'OLIMPIA nel Cuore, AVANTI MILANO!!!

Individuato il progetto a cui daremo sostegno coi fondi raccolti e che continueremo a raccogliere fino a dicembre

Individuato il progetto a cui daremo sostegno coi fondi raccolti e che continueremo a raccogliere fino a dicembre

 

Ecco il comunicato che descrive il progetto è diffuso da l'Aquila coi cui Ultras stiamo condividendo la raccolta...

 

ULTRAS D’ITALIA PER AMATRICE, REALIZZAZIONE CENTRO SPORTIVO POLIVALENTE

 

All’indomani del terremoto che il 24 Agosto 2016 ha provocato morte e dolore ad Amatrice, paese a noi vicino, abbiamo intrapreso una raccolta fondi.

 

Come già accaduto dopo il sisma che ha distrutto L’Aquila e i paesi limitrofi il 6 Aprile 2009, abbiamo deciso, anche questa volta, di voler lasciare qualcosa di concreto in questo paese martoriato dal sisma a favore dell’intera comunità e in particolar modo dei giovani.

 

Siamo stati qualche giorno fa ad Amatrice e abbiamo parlato con il Sindaco Sergio Pirozzi e la gente del posto.

 

Ciò che andremo a realizzare in questo comune sarà, compatibilmente con la cifra a nostra disposizione, un piccolo impianto sportivo. Si tratterà di un centro polivalente composto da un campo di calcetto, basket ed altro. Ovviamente i dettagli si vedranno in seguito.

 

Come da accordi presi, subito dopo la diramazione di questo comunicato verrà stipulato e protocollato un atto d’intesa tra noi e il comune di Amatrice in modo da ufficializzare il tutto.

 

L’inverno è ormai alle porte e ad Amatrice (955 metri slm)  nei prossimi giorni comincerà lo smantellamento delle tendopoli e dove ora ci sono le tende dovranno sorgere le casette temporanee.

 

Il nostro obiettivo, per quanto possibile, è quello di rendere migliore la quotidianità di questo popolo non appena avrà un tetto sicuro sulla testa e nell’attesa che tutto torni ad una parvenza di normalità. Vogliamo dare loro un motivo in più per rimanere nella loro terra ferita e non abbandonarla.

 

E’ loro diritto poter guardare avanti, è nostro dovere essergli accanto!

 

A farlo, insieme a noi, saranno nuovamente TUTTI gli Ultras D’Italia,come accaduto già nella nostra città.

 

Ci piace rimarcare come, ancora una volta, il mondo Ultras ha risposto subito presente. Un movimento che deve subire abusi, repressione e continue leggi speciali, attaccato sempre dai media con luoghi comuni e squallide menzogne ma che,di fronte a queste tragedie, non fa mancare MAI il suo aiuto unendosi al di là di colori e rivalità.

 

L’indirizzo e-mail tramite il quale poterci contattare per prendere parte alla nostra iniziativa è: ultrasperamatrice@gmail.com

 

I gruppi Ultras e le curve che ad oggi hanno aderito al nostro progetto sono:

 

Andria: Curva Nord Andria

 

Arbus: Ultras Arbus

 

Bari: Curva Nord Bari

 

Barletta: Gruppo Erotico 1987

 

Benevento: Curva Sud Benevento

 

Carpi:  Ultras Carpi Guidati dal Lambrusco

 

Carrara: Curva Nord Carrara

 

Casale Monferrato: Boys 88 Casale

 

Castellamare di Stabia: Curva Sud Juve Stabia 1907

 

Catanzaro: Ultras Catanzaro 1973

 

Civitanova: Civitanovese Ultras

 

Cosenza: Anni 80

 

Crotone: Curva Sud Crotone

 

Empoli: Desperados Empoli 1983

 

Fano: Phanters Fano 1977

 

Ferrara: Curva Ovest Ferrara Otto Settembre

 

Fiumicino: Ultimum Fidem Fiumicino

 

Giulianova: Ultras Giulianova 1979

 

Gravina: Noi Ultras Gravina

 

Grosseto: Maremmani 1912

 

Gubbio: Gubbio Supporters

 

Latina: Leone Alato Littoria

 

Mantova: Ultras Mantova

 

Milano: Ultras Milano (Basket)

 

Milano: Curva del Milano Hockey

 

Monaco di Baviera: Ultras Antwerpen 1994

 

Monopoli: Bad Boys; CSM Ultras

 

Novara: Nuares

 

Olbia: Ultras Olbia

 

Parma: Boys Parma 1977

 

Picerno: Teste Matte

 

Pistoia: Curva Nord 1921; Pistoia 1312

 

Prato: Curva Ferrovia Matteo Ventisette Prato

 

Rieti: Commando Ultrà Rieti 1997

 

Rimini: Red White Supporters

 

Roma: Pgu Roma

 

Roseto: Curva Nord Roseto 1927 (Basket)

 

Salerno: Curva Sud Siberiano

 

Sambenedetto del Tronto: Curva Nord Massimo Cioffi

 

Terni: Curva Nord Terni

 

Torre Annunziata: Città di Torre Annunziata

 

Treviso: I Fioi Dea Sud (Basket)

 

Tricase: Rum Boys Tricase 2006

 

Trieste: Curva Furlan; Centro coordinamento Triestina Club

 

Udine: Curva Nord Udine

 

Vercelli: Ultimi Romantici Vercelli

 

Seguiranno aggiornamenti.

 

L’Aquila 19/09/2016

GLI UM AL PRIMO ALLENAMENTO DELL'HOCKEY PER LA RACCOLTA FONDI DA DESTINARSI ALLE VITTIME DEL SISMA


RACCOLTA FONDI PER I TERREMOTATI

La Curva del Milano comunica che in collaborazione con l'Hockey Milano Rossoblu e gli Ultras Milano Olimpia e' stato aperto come annunciato un conto corrente per la raccolta fondi da destinarsi ad opere sociali nelle aree colpite dal sisma.

 

A garanzia della trasparenza che ci ha sempre contraddistinto il conto è stato intestato a persona fisica e non ad enti o organizzazioni per poter meglio monitorare ogni movimento del credito.

 

Chi volesse contribuire potrà farlo attraverso: 

 

Tabaccherie abilitate

Uffici postali

Uffici bancari 

Home banking

 

Le nostre curve daranno aggiornamento settimanale dei fondi raccolti in attesa di definire la destinazione finale.

 

Di seguito i dettagli:

 

N° carta Poste Pay Evolution:  5333 1710 3310 6622

 

Codice IBAN: IT08U0760105138233323833329

 

Intestata a: Giancarlo Biondi

 

C.F. BNDGCR89C10A345D

 

Causale: Donazione per Amatrice

 

Ricordiamo a tutti che in occasione degli incontri casalinghi del Milano di settembre e della Supercoppa dell'Olimpia sarà possibile anche fare delle donazioni in apposite cassette che saranno messe a disposizione dei tifosi.

 

Con l'impegno di tutti...

 

Assisteremo 

Chi

Avrà 

Bisogno

SUPERCOPPA

Gli UM comunicano a tutti i frequentatori della curva che sono già disponibili i biglietti per la final four di SUPERCOPPA, gli interessati possono contattare il numero della curva (RISPONDEREMO SOLO AI NUMERI REGISTRATI). Le prenotazioni devono esser effettuate entro il termine della riunione dell'11settembre.

RACCOLTA BENI SOSPESA E APERTURA DI UN CONTO DI SOLIDARIETA'

A seguito delle informazioni ricevute dagli Ultras di Rieti, dalla Protezione Civile in loco, dalla Croce Rossa e dagli Ultras di Aquila la raccolta di beni di prima necessità e cibo a lunga conservazione e' stata sospesa. 

 

Fortunatamente quanto raccolto finora risulta più che sufficiente per le esigenze dei residenti delle aree colpite dal sisma.

 

La Curva del Milano in collaborazione l'Hockey Milano Rossoblu e gli Ultras Milano basket hanno deciso di effettuare, in alternativa alla raccolta beni, una raccolta fondi attraverso un conto di solidarietà che verrà aperto nei prossimi giorni. 

 

Tutto il ricavato sarà destinato alla realizzazione di progetti per la riqualificazione di aree aggregative nelle zone disastrate per garantire oltre che la ripresa della vita anche il miglioramento della qualità della stessa. 

 

L'esperienza di Aquila ed il sostegno alla realizzazione del "Parco degli Ultras d'Italia, ci ha insegnato che quando i riflettori puntati su certi drammi si spengono le vittime troppo spesso vengono abbandonate. Per questa ragione abbiamo deciso di iniziare questa raccolta ad oltranza fino al compimento del progetto che si deciderà di sostenere per il bene della collettività locale.

 

Nei prossimi giorni comunicheremo il numero di conto che sarà a "più firme" per garantirne la trasparenza. 

 

Per chi volesse contribuire con offerte libere invece che con "versamenti" metteremo a disposizione delle "cassette" in occasine dei primi incontri del Milano Hockey e della due giorni  Supercoppa di Basket al forum.

 

Prepariamoci ad aiutare noi chi sicuramente non sarà aiutato da nessun altro come la storia purtroppo ci ha sempre insegnato.

 

AVANTI ULTRAS, PER UN AIUTO CONCRETO AI BISOGNI REALI DI CHI HA SOFFERTO.

RIUNIONE DI INIZIO STAGIONE ANTICIPATA A DOMENICA 11 SETTEMBRE

Gli UM invitano tutti i frequentatori della curva all'incontro di inizio anno per prepararci al meglio per la nuova stagione. Il ritrovo è fissato per le 21, vi aspettiamo numerosi per iniziare insieme un nuovo cammino al seguito della Nostra Olimpia

LA PIOGGIA FERMA IL TORNEO... MA NON LA FESTA!!!

La pioggia purtroppo ha impedito lo svoglimento del torneo 3vs3, ma non ha impedito a Tutti Noi di passare un piacevole pomeriggio e serata nel ricordo di Massimo, proseguito con la cena e conclusosi con i fuochi d'artificio.

 

Gli Ultras Milano ringraziano tutti i partecipanti alla festa di fine stagione.

 

AVANTI ULTRAS!!!

Torneo 3vs3 per Massimo e Festa di fine stagione

Il programma:

 

Ore 17 ritrovo presso il centro sportivo Atletico Mi

 

Ore 17.30 sorteggio squadre (ci si iscrive gratuitamente e individualmente)

 

Ore 17.45 riscaldamento presso il campo prescelto

 

Ore 18 inizio Torneo 

 

Ore 20 termine Torneo 

 

Ore 21 premiazione e cena 

 

Ore 22.30 celebrazione Scudetto e Coppa Italia a sorpresa!!!

 

NB le iscrizioni al Torneo devono esser effettuate entro e non oltre il 30 giugno!!!

 

Per ulteriori info chiamare il numero della curva (solo se registrati)

FESTA SCUDETTO AL LIDO


REGGIO EMILIA - MILANO - I CAMPIONI DELL'ITALIA SIAMO NOI!!!


FESTA DELLA CURVA E TORNEO 3vs3 SABATO 2 LUGLIO

Gli Ultras Milano comunicano che la festa di fine anno si terrà presso il centro sportivo Atletico Milano in via dei ciclamini 20.

 

Il ritrovo è per tutti a partire dalle ore 16. 

 

Il programma dettagliato sarà pubblicato nei prossimi giorni.

 

Invitiamo tutti a non perdere l'occasione di continuare i festeggiamenti insieme il secondo titolo conquistato dalla Nostra Olimpia.

 

AVANTI ULTRAS, I CAMPIONI DELL'ITALIA SIAMO NOI!!!

MILANO - REGGIO EMILIA    Gara 5

Un sentito ringraziamento a tutti i docenti di italiano

Gli Ultras Milano ringraziano tutti coloro che hanno segnalato l'omissione ortografica all'interno del termine "incompetenza" contenuta in un significativo striscione esposto prima di gara 5.
Gli UM comunicano altresì che l'errore, dovuto alla "leggerezza" di chi l'ha realizzato, era già stato comunicato anche prima dell'esposizione ma data l'importanza del messaggio la Curva ha reputato di concedere la facoltà di esporlo comunque.
L'INFAMIA di chi ha denunciato i propri tifosi e l'INCOMPETENZA di chi oggi gestisce l'Olimpia ci paiono argomentazioni più importanti di qualunque errore ortografico da parte di chi ha voluto esprimere questi concetti.

AVANTI ULTRAS, SEMPRE COERENTI!!!

REGGIO EMILIA - MILANO    Gara 4 Finale Scudetto


REGGIO EMILIA - MILANO    Gara 3 Finale Scudetto


MILANO - REGGIO EMILIA    Gara 2 Finale Scudetto

MILANO - REGGIO EMILIA    Gara 1 Finale Scudetto

ULTRAS MILANO AL MEMORIAL ANDREA E MARINO

Gli UM comunicano che sabato 7 maggio prenderemo parte al 12° Trofeo CdM in memoria di Andrea e Marino che si terrà presso il campo Vercellese di via Caldera 85 (traversa di via Novara). L'invito è da considerarsi esteso a tutti i frequentatori della Curva. Chi volesse giocare e' invitato a contattare il numero della curva, il torneo si disputerà con partite da 20' in 7 vs 7.

Orario di ritrovo ore 18 direttamente al campo.

Al termine sarà organizzato un servizio di ristoro con grigliata.

COMPLIMENTI ALLA SOCIETA' CHE ADESSO TENTA DI OSCURARE I NOSTRI SIMBOLI

Che avessimo a che fare con degli incompetenti lo sapevamo ma che dopo le figure di merda in Supercoppa, Eurolega e Eurocup pensavamo che certi dirigenti avessero almeno altre priorita' e invece ...

Nell'incontro con Reggio le brillanti menti dirigenziali che governano la Nostra amata Olimpia ne hanno inventata una nuova. 

 

Evidentemente piu' concentrati su di noi che sui problemi societari, per la prima volta e' stato deciso di disporre due file di sedie aggiuntive (assolutamente inutili) nel settore sottostante la nostra Fan Zone e alcune sedie son state disposte addirittura sotto il nostro tamburo.

 

Per effetto di questo patetico capriccio gli striscioni della curva son risultati quasi totalmente coperti.

 

Solo grazie al buon senso degli occupanti di quel settore, che si son prontamente spostati prendendo atto dell'imposdibilita' di assistere ad un incontro di basket con la testa infilata in un tamburo, la situazione si e' risolta senza le logiche discussioni che sarebbero potute derivarne. (Per l'Olimpia ne e' derivato invece il disagio di dover ricollocarli in altri settori)

 

Ancora una volta chi ha fatto questa provocatoria scelta nel disporre i posti a sedere ha dimostrato la propria pochezza cerebrale.

 

Gli UM ringraziano per le continue attenzioni che ci vengono riservate e comunicano che la propria linea di condanna verso gli attuali vertici dirigenziali verra' mantenuta fino al giorno in cui faranno il dono a tutti i tifosi dell'Olimpia non-hi tech di togliere il disturbo.

 

MAI CON PROLI E PORTALUPPI !!!

Prima

Dopo


FORSE QUALCUNO COMINCIA A SVEGLIARSI!!!

Riportiamo di seguito un articolo pubblicato su SuperNews disponibile al seguente link:
http://news.superscommesse.it/basket/2016/03/olimpia-80-anni-non-e-una-festa-per-tutti-162725/

 

Olimpia, 80 anni: non è una festa per tutti

 

In occasione della partita contro la Manital Torino del 6 marzo scorso l’Olimpia ha celebrato i suoi 80 anni. È stata una bella festa: di fronte ai 12mila del Forum hanno sfilato i campioni che hanno scritto la storia della società meneghina. Meneghin, Premier, Vittorio Gallinari, Nando Gentile, Pittis, Fucka e tanti altri si sono presi applausi e cori del pubblico. Dan Peterson ha consegnato a Giorgio Armani la maglia celebrativa e il presidente della FIP Gianni Petrucci, accompagnato dal presidente del CONI Malagò, ha premiato lo stesso Armani con il trofeo che segna l’ingresso dell’Olimpia Milano nella Hall of Fame del basket italiano.

È stata una bella festa quindi, ma non bellissima, perché mancava qualcuno, che del mondo Olimpia fa parte, nel bene e nel male. E non si parla delle assenze, giustificatissime, di D’Antoni e McAdoo, ma di quella, forzata, degli Ultras Milano. O meglio, della loro voce e del loro sostegno.

 

I precedenti - Che la tensione fra la società, Proli e Portaluppi su tutti, e la frangia più estrema del tifo Olimpia sia altissima è notizia nota. È altrettanto noto che tutto ha avuto origine dopo le denunce, partite dalla Società, nei confronti dei 49 ragazzi che avevano contestato la squadra, facendo irruzione all’allenamento, dopo la brutta figura rimediata nella Final Eight di coppa Italia di due stagioni fa. Da allora la contestazione degli ultras non ha mai avuto tregua e durante tutta l’attuale stagione, ad ogni incontro, la tifoseria organizzata ha esposto lo striscione “Basta Proli e Portaluppi”. Nasce proprio da questo striscione l’ennesima bufera, nella settimana precedente all’incontro con Torino.

 

I fatti - Nei giorni precedenti all’incontro un portavoce di Armani ha chiesto agli Ultras Milano di non esporre, in occasione della festa per gli 80 anni, lo striscione di contestazione nei confronti della dirigenza. Allo stesso tempo, alcuni funzionari della questura cittadina hanno alzato il tiro, rendendo la richiesta della Società un obbligo e non una scelta, minacciando denunce e diffide in caso di esposizione. Per questo motivo, nonostante la scelta sarebbe stata quella di non esporre lo striscione, gli Ultras Milano hanno deciso di non portare i propri striscioni e di non sostenere la squadra, in segno di protesta.

 

Il punto - La diatriba società-ultras ha raggiunto livelli insostenibili e le colpe stanno senza dubbio da entrambe le parti. Gli Ultras Milano pagano infatti una posizione esageratamente ortodossa, non aperta a punti d’incontro con l’altra parte, che crea un netto distaccamento fra la parte ultras e la parte “normale” del pubblico del Forum, rendendo bassi i numeri in trasferta, poco seguito il sostegno casalingo e sempre teso il contesto generale.

 

La Società dal canto suo sembra aver intrapreso un programma di trasformazione del tifo che punta verso la totale cancellazione della presenza Ultras all’interno del Forum e la trasformazione del pubblico in cliente, sul modello americano. A sostegno di questa idea di lotta alla componente ultras la scelta societaria di assegnare i biglietti omaggio dell’Armani Junior Program non più soltanto al settore Stage ma anche a quello della Fanzone, cuore pulsante del tifo meneghino. Questa scelta ha portato l’aumento esponenziale delle famiglie in un settore tradizionalmente ultras e dove, soprattutto, si tende a seguire la gara in piedi, creando forte attrito fra chi vuole tifare e chi vuole seguire la partita in maniera tranquilla. Vanno lette in questo senso le parole contenute all’interno dello speciale “Superbasket” sugli 80 anni dell’Olimpia, distribuito a palazzo in occasione della partita: “(…) E se si tratta non di tifosi malati ma di ragazzi dell’ultima generazione hi-tech, che amano guardare video sugli schermi, le cherleaders, i giochi per il pubblico e si sbracciano per ricevere le t-shirt omaggio, questo è considerato un benefit”. Parole inquietanti perché testimoni di una tendenza diffusa che mira alla cancellazione della cultura popolare del tifo e ad un imborghesimento costante dei tifosi. L’Olimpia non sembra però aver fatto i conti con le solite, piccole e piene di difetti, ma vive e coerenti, sacche di resistenza. La strada intrapresa è quella sbagliata. Probabilmente alla lunga avrà la meglio e porterà di certo benefit economici ma priverà l’Olimpia di una parte che ha contribuito, con la sua presenza ed il suo amore, alla bellissima storia degli ottant’anni della società più gloriosa del basket italiano.

 

A CHI SI CREDEVA TIFOSO DELL'OLIMPIA... ECCO IL "MODELLO PROLI"

Alleghiamo la dettagliata descrizione di come il presidentissimo ritiene debbano essere i tifosi dell'Olimpia. Ci auguriamo che anche chi non sta in Curva apra gli occhi una volta per tutte e si renda conto dello "spessore" della persona che dobbiamo sopportare ai vertici dirigenziali della NOSTRA amata squadra.

Se non siamo liberi di esprimere la nostra posizione, ci prendiamo la liberta' di non tifare

In occasione dell'incontro con Torino ci é stato chiesto da un portavoce del sig. Armani di astenerci dall'esporre il consueto e CIVILE striscione che esprime la posizione della curva nei riguardi di proli e portaluppi, posizione a nostro avviso DOVUTA dopo la conferma delle denunce da loro rivolte ai tifosi in occasione degli arcinoti fatti del palalido e per le quali diverse persone son state assurdamente diffidate e successivamente giustamente risarcite dal ministero dell'Interno.
A fronte di detta richiesta si é svolta una riunione per valutare se accogliere l'invito o meno.
Una volta definito di accogliere l'invito, sono pero' arrivate diverse pressioni da polizia e carabinieri che han fatto intendere che qualora lo striscione venisse esposto - in barba alla liberta' d'espressione - chi lo avrebbe esposto sarebbe stato identificato e diffidato.
In virtu di queste assurde minacce e a tutela dei nostri frequentatori quella che sarebbe stata una libera scelta é divenuta un obbligo imposto con la prepotenza.
Gli Ultras Milano per queste ragioni han deciso di astenersi completamente dal sostegno alla squadra e dall'esposizione dei propri striscioni come gesto di denuncia per la prepotenza subita.
Per il futuro ci si riserva di adottare lo stesso atteggiamento ogni volta che i nostri diritti dovessero nuovamente esser calpestati.
LIBERTA' PER GLI ULTRA'  !!!

MILANO - AVELLINO        FINALE DI COPPA ITALIA


9 GENNAIO 1936 - 9 GENNAIO 2016: AUGURI OLIMPIA!!! MA NIENTE FESTA PER CHI NE HA INSULTATO LA STORIA

C'era una volta una societa' di basket meneghina che aveva rispetto dei tifosi, delle sue tradizioni, dei suoi colori e della Citta' che rappresentava. Dopo gli accadimenti del lido e le denunce che abbiam subito, per gli Ultras Milano quella societa' e' rimasta un ideale da difendere ma chi la rappresenta oggi fuori dal campo non merita nessuna considerazione e non ne é degno. Chi rappresenta la dirigenza Olimpia, ha calpestato i Nostri colori (Maglie nere, Maglie blu ecc), ha denunciato chi piu' sicuramente di loro ama Milano, ha tolto lo storico simbolo del fiero dalle divise, adesso manipola la tradizione (festeggiamenti per gli 80 anni a marzo?!?) e non perde occasione per denigrare il vero cuore del tifo biancorosso privilegiando i tanti SPETTATORI che con le agevolazioni riempiono il forum ma non son certo TIFOSI BIANCOROSSI. Per queste ragioni auguriamo all'Olimpia di vivere all'infinito e auspichiamo che anche i dirigenti futuri un giorno ne siano all'altezza. I festeggiamenti sugli spalti non saranno per tanto organizzati dalla curva ma siamo sicuri che il presidentissimo riuscira' a stupire comunque tutti con qualche effetto speciale, come gia' fatto per i festeggiamenti dello scudetto di inizio stagione scorsa dove anche una scimmia avrebbe fatto meglio ma tanto ai SUOI 10000 del forum che importa?

 

AUGURI DI CUORE OLIMPIA CHE TU VIVA PER SEMPRE!!!

UM OSPITI DEI VARESINI PER L'INCONTRO CON CANTU'

Buon Natale a chi non si "allinea", a chi mette ciò che è giusto davanti a ciò che è comodo, a chi non smette di dar sostegno ovunque alla squadra, a chi dimostra rispetto per l'Olimpia e la sua storia. Buon Natale Ultras Milano.

QUALCUNO SPIEGHI AL PRESIDENTE DELL'OLIMPIA COS'E' L'IRONIA

ancora una volta l'esperto presidente dell'Olimpia ha perso l'occasione di star zitto davanti alla simpatica manifestazione di ironia che ha aggiunto un po' di sale al tradizionale derby con cantu'. Il presidentissimo non ha perso tempo andando a piangere dagli amici della gazzetta per denunciare un gesto che di "cattivo gusto" ha solo la sua interpretazione. Per chi non conoscesse il fatto in occasione dell'incontro Cantu'-Olimpia le cheerleaders canturine (applausi per loro anche da parte nostra) hanno messo in scena una gag sbattendo in faccia una torta ad un figurante con la maglia di gentile. La divertita risposta ha accomunato persino i tifosi Milanesi che non han trovato niente di offensivo nella cosa anzi una simpatica provocazione ed al massimo un delicato pensiero alla protagonista che sarebbe potuta esser diffidata per il gesto da qualche zelante questore.

Come sempre il signor presidente ha dimostrato la sua ignoranza in materia di tifosi che per lui son solo una voce di bilancio ma da uno che espone denuncia per una critica non ci si poteva aspettare altro ...

Riguardo il mancato rispetto alla maglia di cui ha parlato inutile aggiungere altro per chi ne ha addirittura cambiato i colori.


MILANO -  VITORIA

Anche in occasione dell'incontro di Eurolega gli UM hanno manifestato il proprio disappunto verso una dirigenza rea di aver denunciato senza motivo i propri tifosi. A scanso d'equivoci e mal interpretazioni si comunica che, non esistendo giustificazione per il più ignobile dei comportamenti, questa linea di CIVILE condanna verso questa dirigenza permarrà fino al giorno in cui certe figure abbandoneranno i quadri societari. Per ulteriore chiarezza si ribadisce altresì il pieno sostegno ad allenatore e giocatori che nulla hanno a che vedere coi comportamenti di cui si son resi responsabili in passato i propri dirigenti.


SEMPRE COERENTI E CON L'OLIMPIA NEL CUORE, AVANTI ULTRAS!!!

SOSTEGNO ALLA SQUADRA E CONDANNA A CHI NON HA RISPETTO DEI TIFOSI

Questa la linea che la curva terra' fino al giorno in cui chi non fa altro che far male alla Nostra Olimpia non togliera' il disturbo.


INFORMAZIONE SPAZZATURA ED INFORMAZIONE CORRETTA

Riportiamo due articoli che testimoniano la sostanziale differenza tra la stampa di "regime" e la stampa libera. Il Corriere della Sera (sulla falsa riga della sua sorella Gazzetta) riporta informazioni parziali o errate (Scariolo non era allenatore e Amato neppure ha una macchina) e cerca di criminalizzare tutto cio' che possa direttamente o indirettamente veder coinvolti gli Ultras. Dall'altra parte la rete consente il confronto con le parti direttamente o indirettamente coinvolte e riporta fedelmente le informazioni.


GLI UM SI DISSOCIANO DAI DANNI ALLE AUTO DEI GIOCATORI E INVITANO TUTTI A DAR SOSTEGNO ALLA SQUADRA.

In riferimento agli atti vandalici subiti dalle auto dei giocatori durante la notte seguente la sconfitta dell'Olimpia a Trento gli Ultras tengono a puntualizzare quanto segue.

Gli UM confermano la propria linea di critica agli attuali vertici dirigenziali ma si dissociano da ogni forma di manifestazione violenta o illegale associabile ad essa. Gli Ultras invitano i frequentatori della curva ad assumere il medesimo atteggiamento di condanna a dette illecite forme di contestazione. Il pensiero degli UM anche a Trento come in precedenza a Torino é stato manifestato con un eloquente striscione e questa sara' l'unica forma di protesta che ci riserviamo di utilizzare fino al giorno in cui certa gente abbandonera' il proprio ruolo societario.


Adesso pero' é anche arrivato il momento di far sentire il sostegno che merita chi indossa la Nostra maglia. L'assenza di preparazione dovuta alle solite scelte societarie, atte a curare piu' l'immagine che la sostanza, ci pare un'attenuante dovuta a coach Repesa ed alla quasi totalita' dei nuovi entrati in rooster. Per l'incontro di domenica con Varese invitiamo tutti a dar pieno sostegno a chi non ha certo colpa delle condizioni in cui e' stato costretto ad affrontare la fase preparatoria di pre-campionato.


AVANTI ULTRAS, AVANTI OLIMPIA!!!

DA NEW YORK UN'ALTRA PERLA DEL PRESIDENTISSIMO, DI SEGUITO L'ARTICOLO DI PIANETA BASKET.

A tutti coloro che non trovano di meglio che leccare il culo al duo diabolico che guida l'Olimpia ecco l'ultima dagli states ...


Livio Proli e l'aria rancida di ritorno, un passato di cui non abbiamo bisogno


04.10.2015 di Umberto De Santis


Contando probabilmente sul fatto che la gente ha la memoria corta, Livio Proli torna al comando delle operazioni che aveva abbandonato un anno fa e ci riprova subito con il clima dell’aria rancida. Invece di dare le necessarie spiegazioni per aver esposto al pubblico ludibrio la Legabasket candidando alla sua presidenza Ferdinando Minucci, proprio il presidente di quella Siena che a suo dire nell’intervista newyorchese “barava” e che da lì a poco avrebbe concluso in manette quindici anni di dominio, a tratti quasi assoluto, sul basket tricolore, Proli rilancia la vulgata tanto cara al suo amato allenatore Scariolo. Proprio il vincitore dell’Eurobasket, che ha fatto ridere tutti stigmatizzando il povero Vincent Collet che ha avuto l’ardire di lamentarsi degli arbitri dopo una semifinale persa …


Caro dottor Proli, ci faccia vedere i bilanci della sua Olimpia Milano. Se dimostreranno di avere ricavi superiori a quelli della Mens Sana Basket, li avrà spesi male. Se avrà ricavi inferiori, sappia che la magistratura contesterebbe al lìder maximo senese aver distratto i soldi puliti che gli dava la banca MPS per ingegnarsi a creare fondi neri da mettersi in tasca, con la scusa di permettersi solo così giocatori troppo costosi per le finanze biancoverdi. Perché rivangare il passato? Per dare ragione ai suoi contestatori milanesi?


Dell’aria rancida che temeva esserci nella pallacanestro italiana appena tre anni fa è rimasto solo lei, perché senza soldi non si balla: il Monte dei Paschi ha chiuso definitivamente con una catena di aumenti di capitale e processi una stagione di successo che in altre sedi sarà approfondita, Varese e Cantù galleggiano, Roma si è autoretrocessa. E anche con i soldi bisogna saper fare una squadra e creare una chimica di gruppo vincente e il campo ha dimostrato tante volte quanto sia difficile. E’ evidente che Sassari e Reggio Emilia ci sono riuscite quest’anno, con Venezia appena un gradino sotto. C’era riuscita la Varese di Dunston e Polonara, e solo le loro precarie condizioni fisiche in gara 7 avevano permesso che la serie volgesse verso Banchi e la Mens Sana …


Lezione di stile. Troppo semplice accusare il morto di aver barato, tanto non si può difendere … E’ vero che, come ormai ci capita troppe volte di sentir dire, conta solo il risultato. E che per raggiungere il risultato vale la pena di prendersi dall’avversario, per indebolirlo, l’allenatore, il preparatore atletico, i giocatori: anche Minucci si era preso Aradori da Cantù. Che non ha fatto più grande la Mens Sana, ma certo non è stata più grande Cantù: non ci meravigliamo. Però non facciamo i santi bacchettoni contando sulla memoria corta del popolino, del codazzo di giornalisti riverenti, dei procuratori affamati di commissioni.


La Volkswagen, per l’ansia di centrare l’obiettivo di diventare primo produttore di auto al mondo, ha fatto harakiri imbrogliando nel modo più subdolo. La FIP sta cercando con fatica di rinnovare, in parte, il mondo baskettaro che amiamo sinceramente anche quando, come è capitato al sottoscritto, ci tocca vederlo dal "basso" della serie B. Venda il prodotto, che lo sa fare bene, non venda la vendetta postuma. Non interessa a nessuno, solo ci mette in guardia: di solito chi grida al lupo è il lupo.

Utenti online
Privacy Policy